♥♥♥ Benvenute a tutte voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

mercoledì 30 aprile 2014

Vasetti riciclati per la mia cucina



Oggi giornata grigia, solo ieri per una parte di giornata abbiamo avuto il sole. C'è stato un notevole sbalzo di temperatura nei giorni scorsi, passando dai 25 gradi di venerdì 25 aprile ai 15 di sabato e molte persone si sono beccate un bel colpo d'aria. Mia mamma è tra queste e ha avuto pure una febbre molto elevata. Fino a ieri mattina stava piuttosto male, tra l'altro l'antibiotico che il medico le aveva dato era troppo forte per lei tanto da mandarle in tilt la vista e il battito cardiaco,  ma poi piano piano è andata migliorando. Ovviamente ho richiamato il medico, e dopo avergli sottolineato la mia enorme perplessità sul fatto che avesse ordinato medicine al telefono a mia sorella, senza nemmeno visitare la paziente, senza nemmeno verificare se la pressione era apposto oppure no (mia mamma soffre di pressione bassissima), "dimenticando" che mia mamma soffre d'ulcera, lo stesso mi ha richiamata preoccupato.....no dico, "dopo" si preoccupa....e invitandomi ad andare a prendere nuove impegnative per altri farmaci più adatti a mia mamma.....ma sempre senza visitarla. Mah, sarà che io nei riguardi dei medici, visti i miei, purtroppo, innumerevoli trascorsi in vari campi ospedalieri, da nord a sud,  non ho molta fiducia, fermo restando che sò esserci medici con coscienza, che si rendono conto che ammalarsi non è un divertimento, nè tantomeno è piacevole "soggiornare" in un ospedale, se non per una nascita che è la gioia più grande, mi rendo sempre più conto che avere bisogno di un medico o comunque di assistenza medica, viene sempre più vista con timore, con la paura di chiedere anche solo un farmaco. E vi garantisco, che parlo con cognizione di fatto. Perdonate questo mio sfogo con voi, ma credetemi, sono davvero molto arrabbiata, soprattutto perchè io e la mia famiglia, facciamo parte di quella parte di persone che hanno perduto un loro caro per un errore medico, e con questo spero capiate questo mio malessere.

Cambio discorso, anche perchè ho scritto troppo e non di cose piacevole, chiedo scusa.

Penso che moltissime conoscano Claudia del blog "Lavanda e lillà", un blog dove perdersi tra ricami e creazioni da sogno, dove le mani di Claudia danno vita a cose meravigliose, che sembrano quasi parlare. Ed è proprio ammirando uno di questi suoi post che avevo notato dei barattoli con delle trine. La contattai tramite mail per chiederle come aveva fatto e se potessi attingere alla sua idea per crearne qualcuno anche io.


 E con la sua sempre grande gentilezza mi rispose, dandomi le indicazioni. Ed ecco i miei vasetti, che mi piacciono tanto. L'unica variante è su come ho ricoperto il tappo.


L'ho ricoperto con carta da pacchi e tutt'intorno ho passato dello spago. E sapete una cosa? So che posso sembrarvi sciocca, ma non nascondo che mi piacciono anche più di quelli che si comperano.

E poi, oramai lanciatissima ho fatto anche questo


Ho ricamato a punto croce su un pezzo di juta  il nome della spezia che avevo, l'ho applicata al vasetto da riciclare


un pezzetto di trina, un fiocchetto, un gessetto a forma di fiorellino, 2 foglioline d'edera che si erano staccate da una decorazione Pasquale, rivestito il coperchio.....ed ecco un altro vasettino.

Prima di lasciarvi voglio dedicare a tutte voi questo scatto, si tratta del "boccolo per Venezia", una rosa vivente che è stata fatta lo scorso 25 aprile 2014 in Piazza San Marco e dove tutti i cittadini sono stati invitati a partecipare. Per i veneziani questo giorno non ricorda solo la liberazione, ma anche la leggenda della storia d'amore osteggiata dai famigliari di Tancredi e Maria. Lui partì per combattere i turchi e morendo in battaglia, colse una rosa che si tinse del suo sangue e che fu consegnata alla sua amata che, morì per la disperazione della perdita del suo amato. Romeo e Giulietta veneziani.


Non è bellissima?

Vi abbraccio tutte.

19 commenti:

  1. Per il tuo sfogo ti capisco ... anch'io come te arrabbiata con una scia di medici per errori, sviste e tribolazione ... che si pagano sulla nostra pelle senza alcun aiuto ... e non mi dilungo e dico altro ....
    i vasetti ..... li adoro.... sono certamente più belli di quelli che si acquistano anche per il gusto di fare da solo ... i tuoi sono particolarmente belli .... bravissima
    che meraviglia questa nostra Italia ... peccato che queste nostre risorse non sono valutate al massimo ... un abbraccio giusi

    RispondiElimina
  2. tralasciando argomento medici...nn sarei di parte...ma capisco e ti comprendo...ma a riguardo dei tuoi nuovi vasetti mi piacciono molto...e stupefacente questa Venezia particolare...glo

    RispondiElimina
  3. Capisco il tuo sfogo!il padre di un nostro amico per un influenza con medicine a distanza ci ha rimesso le penne.Non si scherza con la vita degli altri.I barattolini inventati hai ragione tu,sono molto piu' belli di quelli comprati.I tuoi sono delicatissimi!Mi piacciono molto anche come li hai riempiti!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  4. ti capisco e non puoi immaginare quanto!!!!!!!! purtroppo la superficialità con cui assegnano medicine in maniera sbrigativa e anche seccata talvolta, possono portare a queste conseguenze!!! Spero tanto che ora la mamma stia meglio e meno male che stiamo attente noi!!!!!! i tuoi lavori sono carinissimi e quell'immagine di Venezia mi ha preso il cuore!!!! Sai che sono una romanticona e amo le rose!!!!! ti abbraccio fortissimo e dai un bacio a tua mamma da parte mia Lory

    RispondiElimina
  5. Mi auguro la tua mamma si rimetta presto, tralasciando il discorso medici che tanto si sa che a volte non fanno il loro lavoro per passione ma per chissa quale altro motivo....penso proprio tu abbia ragione, questi sbalzi di temperatura sono micidiali: chi va al bagno di continuo, chi ha la tosse, chi ha il raffreddore e chi ha dolori ovunque è un periodaccio :(.
    Ma parliamo di cose belle: i tuoi vasetti...belli belli belli ^_^...mi piace l'idea della carta da pacchi nel tappo, originale.
    Debora

    RispondiElimina
  6. sai che anche io ho preso un febbrone che mi ha messa ko
    spero che la tua mamma si sia ripresa
    bellissimi i tuoi vasetti sono così carini
    un bacio e buon 1 maggio, sperando arrivi il sole ehehe!
    valeria

    RispondiElimina
  7. Ziaaaaaaa Pollyyyyyyyyyyyy ciaoooooooooo!!Mi dispiace per questo inconveniente,non ti arrabbiare,l'importante che ora la tua mamma stia meglio!!
    Bellissimi i tuoi barattoli,quello del Timo è il mio preferitooooooooooo!!
    La Rosa vivente è uno spettacolo!!
    Un bacione tesoroooooooooo!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  8. Cara Paola, i tuoi lavori sono sempre adorabili e con un tocco in più. Un bacio a te e anche alla tua mamma ♥

    RispondiElimina
  9. Ciao Paola! vasetti strepitosi che,ci scommetto, ti avranno riempito di felicità! Ti faccio i miei meritatissimi complimenti.
    Spero che la tua mamma si sia ripresa dopo questa brutta avventura....sui medici (di famiglia?!)
    preferisco sorvolare... a loro "discolpa" però va anche detto che hanno trooooppi pazienti il che significa.... lo sappiamo cosa significa...
    Ultima cosa: guarda che ti ho messo tutte e tre le ricette delle torte: vai a vedere!
    Un bacio e felice maggio.
    mimma

    RispondiElimina
  10. Credo sia giusto scrivere ciò che si desidera nei nostri blog,non scusarti per lo sfogo che capisco e condivido!
    I vasetti sono una vera chicca,altrochè quelli che si acquistano già pronti..ma scherzi?...noi creative è giusto che ce li facciamo no?
    Un abbraccio...poco in forma anch'io oggi:(
    Anna

    RispondiElimina
  11. I barattoli sono bellissimi, deliziosi e quello con il ricamo è straordinario.Bella l' idea di usare la carta da pacco! In merito ai medici, molti dovrebbero cambiare proprio lavoro, ma tanti altri li ammiro per il lavoro straordinario che fanno. Buona guarigione alla tua mamma
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  12. Ciao cara Paola,spero che tua mamma si sia ripresa,certi inconvenienti quando si ha a che fare con la vita delle altre persone non dovrebbero succedere...altrimenti non fare il dottore!
    I tuoi barattoli sono bellissimi,l'idea di coprire i coperchi con la carta da pacchi mi piace molto....la rosa vivente l'avevo vista al Tg ma non sapevo che stava a ricordare la struggente storia di questi due amanti!
    Un forte abbraccio

    Letizia

    RispondiElimina
  13. Ops...ho dimenticato la rosa...romanticissima!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  14. Cara Paola,
    Speriamo che la tua Mamma si sente meglio adesso!
    Claro ci sono medici che hanno fatto errore... e grave errore.
    Tuei vasetti sono bellisimi.
    Baci,
    Mariette

    RispondiElimina
  15. Eh no....certe cose non devono succedere, specialmente sulla
    pelle degli altri, certi dottori dovrebbero andare a fare i contadini!!
    Anche se per fortuna non sono tutti così......Adesso tua mamma si è ripresa vero?
    Deliziosi e molto country i tuoi vasetti e faranno bella figura su di una mensola.
    Lo sai che non sapevo la storia dei due innamorati? E' molto
    romantica, davvero degna di Giulietta e Romeo.
    Buon 1° Maggio cara Paola
    Love Susy x

    RispondiElimina
  16. E' bello tramandare nel tempo le vecchie leggende come quella che hai raccontato tu, che non conoscevo.
    Complimenti per i tuoi deliziosi vasetti e auguri alla mamma di pronta guarigione.
    Adriana

    RispondiElimina
  17. Immagino non troverai nessuno che non condivida il tuo sfogo... Ma veniamo a cose più frou-frou, questi vasetti mi piacciono tanto, in modo particolare quello con il timo. se ci ricamassi sopra li potrei regalare a luglio ai miei amici... Ho molto origano in giardino, come avrai intuito, e ogni anno ne dono un vasetto a ciasuno dei miei parenti/amici, che ti confesso mi ringraziano come se si gli avessi dato del caviale. Ma non è che per caso Shakespeare si sia ispirato ai questi romantici innamorati veneziani? Ciao, Anna.

    RispondiElimina
  18. Paola...non avevo letto questo tuo post...mi spiace tanto..però leggo dal nuovo post che va meglio.....i vasetti come li ahi fatti sono bellissimi....mi piace tanto la scritta a punto croce...stupendi!un bacione:)simona

    RispondiElimina
  19. i tuoi vasetti riciclosi sono molto belli, complimenti!!!
    gloria

    RispondiElimina

Grazie per la vostra visita e per il commento.