♥♥♥ Benvenute a tutte voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

giovedì 23 gennaio 2014

Come fare la pasta con il bicarbonato e la maizena - Tutorial


 Come vi avevo promesso eccomi a spiegarvi come preparare la pasta con il bicarbonato e la maizena, un procedimento molto semplice e che mi è stato insegnato da un'amica che mi aveva garantito del fatto che era davvero facile e aveva ragione. Lei ci ha preparato dei piccoli pensierini per la comunione di sua figlia. Qui sopra vedete il risultato dei cuori che avevo fatto la scorsa settimana. Uno l'ho legato con uno spago sopra un pizzo che avvolgeva una candela. Ad un'altro ho messo un fiocchetto con del "green twine" e sistemato sopra un vecchio libro dentro il quale ho trovato una lettera del 1940.




Il risultato finale di questo impasto mi è piaciuto tantissimo, e se avete visto le foto della cena che ho fatto lo scorso sabato, avrete visto che ho fatto una sorta di ferma menù che ho poi dipinto.

Ecco come si fa:



 Ingredienti: 1 tazzina di bicarbonato, mezza tazzina di Maizena, mezza tazzina di acqua del rubinetto.




Procedimento: versate tutti e tre questi ingredienti dentro un tegame inaderente, ponetelo sul fuoco e cominciate a mescolare con un cucchiaio di legno finchè non vedrete che l'impasto si rassoda fino a diventare una palla.



A questo punto versate la pasta sul tavolo e attendete che si freddi un'attimo per non bruciarvi le mani. Cominciate a lavorare l'impasto con le mani, vi accorgerete della sua morbidezza ed è anche molto piacevole lavorarla.



Tiratela con il mattarello per uno spessore di 3-4 millimetri e poi cominciate a tagliare con delle formine per biscotti o quello che avete in casa.


Io ho preparato delle mele, orsetti e poi a mano libera ho tagliato delle foglie e qualche cerchietto, ho dei progetti che richiedono queste forme.

Lasciatele asciugare per 2 giorni, questo è il tempo minimo,  ricordandovi di girarle ogni giorno, affinchè si asciughino bene da entrambi i lati e non si arriccino.

E come mi ha suggerito Laura nel mio post del 15 gennaio, si può aggiungere del colorante alimentare o anche dipingere con le tempere.

Ora che ho apprezzato questo tipo di impasto mi sa che lo farò spessissimo, perchè in effetti come detto sempre da Laura, è anche più resistente del gesso, cosa che io non credevo. Grazie mille a Laura per i tuoi importantissimi suggerimenti.

E ora tocca a voi e se provate a fare qualcosa, fatemelo sapere. Buon lavoro.

27 commenti:

  1. Grazie proverò' sicuramente
    ciao Giuliana

    RispondiElimina
  2. Impara l'arte e mettila da parte ;))) vecchio detto che sembra fatto su misura!!!
    Brava Paola, sempre alla ricerca di lavoretti facili e creativi!!!
    Abbraccio Lieta

    RispondiElimina
  3. Anch'io sto realizzando oggettini del genere ,però in pasta di mais ......proverò questa nuova tecnica!
    baci!

    RispondiElimina
  4. Grazie per averci ricordato la "ricetta",che tra le varie navigazioni sul web avevo perso di vista!
    Mi hai fatto proprio venire voglia di sperimentare,questa "pietanza" dovrebbe riuscirmi!!!
    Bacioni
    daniela

    RispondiElimina
  5. paola!!!!!grazie mille per il tutorial!!!!!sabato proverò a farla poi ti farò sapere!
    le candele sono stupende...e grazie 1000 per la mail...sei fantastica!!!!ti abbraccio simona:)))))

    RispondiElimina
  6. Un ottima idea da provare :).
    Debora

    RispondiElimina
  7. Ciao Paola, ma quante cose sai fare? Con questo tutorial forse riuscirò a fare qualcosa anch'io. Buon week end

    RispondiElimina
  8. Che idea geniale! Mi piace molto...sto già pensando ai chiudipacchi per il prossimo Natale :-)! Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Paola ma le fai tutte!Che carini!Poi ti ho trovata su pinterest!Bacioni!Rosetta

    RispondiElimina
  10. ciao Paola, grazie per il suggerimento, io usavo la pasta di pane, ma questo metodo mi sembra piu' semplice e duraturo, complimenti per le formine, il cuoricino sulla candela sta bemissimo, molto romantico, ciao grazie, buon week end a presto rosa.9 baci

    RispondiElimina
  11. L'ho già copiata, mi piace mi piace*: 1° non ha bisogno di cottura, 2° rimane molto bianca, 3° sembra facile da impastare. Grazie per la ricetta. Il punto adesso è trovare il tempo... Ho cominciato troppe troppe** cose contemporaneamente, e ho paura che non riuscirò a farne bene nemmeno una. Ciao, Anna.
    * è un rafforzativo, non ho scritto due volte per sbaglio.
    ** come sopra!

    RispondiElimina
  12. Ciao tesoro,
    in passato realizzavo oggettini in pasta di mais, ma la preparazione dell'impasto era un pò diversa, non prevedeva l'uso del bicarbonato...
    ... mi rimetto in gioco anche con questa tecnica, mi incuriosisce, grazie!

    Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  13. Ma che meraviglia Polly, grazie per questa ricetta, l'aspetto di queste formine è bellissimo!

    RispondiElimina
  14. Ciao Paola,questa pasta invoglia a piccoli lavori,vero?Però non si taglia solo con le formine,nn
    facciamo solo chiudipacco:tagliata spessa,5/6 mm vengono forme consistenti e non si arriccia, per decorare tags, cornici ecc.Si può scolpire, incidere e farne forme come la pasta di mais.Qualsiasi cosa va bene per stampo o texture(ci si imprime stoffa,pizzo...)con i contenitori delle uova,quelli di plastica,vengono mini torte belline.C'è S.Valentino,S Pasqua...quanti fiocchi rossi, rosa,verdi, cestini intrecciati,bottoni per decorare...buona creatività. laura senza blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi Laura BENEDETTA donna dalle mille e più idee e risorse su questa pasta e chissà per quante altre cose! Non trovo la tua mail porca paletta, mi risponde neroplay. Adesso mi hai messo il pepe addosso.....devo provare qualcosa di questi tuoi suggerimenti! Grazieeeeee mille Laura, sei stata preziosissima per consigli e suggerimenti...sicura di non voler aprire un blog? Io sarei la tua prima follower e sono certa che molte mi seguirebbero a ruota.....Un bacione con lo schiocco!!!!!! Paola

      Elimina
  15. Grazie Paola, proverò il tuo tutorial. Sai che io non ho mai provato ? Ti saprò dire. Il gesso io lo adoro ma è molto delicato. I tuoi cuori sono bellissimi e sono molto curiosa di vedere cosa farai con gli altri.
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  16. non conoscevo questa ricetta con il bicarbonato, grazie Paola proverò anche io baci VAleria

    RispondiElimina
  17. grazie Paola,
    ci proverò sicuramente, tutorial utilissimo
    un bacio
    Aldina

    RispondiElimina
  18. Grazie per aver condiviso questa ricetta, la proverò anche io! Una domanda (spero che non ne abbiate già parlato nei commenti, non li ho letti tutti!): per caso si può aggiungere dell'olio essenziale per fare le formine profumate?
    Grazie

    RispondiElimina
  19. Ciao, ho appena fatto il tuo impasto,è molto malleabile, però forse mi sembra che non sia troppo compatto, rimane leggermente granuloso, è normale?
    Ho provato a fare un piccolo bouquet di fiori, ed il resto

    RispondiElimina
  20. Come posso conservarlo?
    Scusami per il commento a metà, ma oggi internet funziona male
    Grazie

    RispondiElimina
  21. Cara Paola,
    Grazie per questo suggerimento; vale la pena provare. Ho fatto solo pasta da sale e sempre al forno...
    Baci,
    Mariette

    RispondiElimina
  22. Questo bel tutorial me l'ero perso. Per fare il forellino al cuore come hai fatto? Uno stuzzicadenti? Ma si regge? Grazie Paola, sembra anche molto semplice e quindi fa al caso mio. Proverò sicuramente!
    Annalisa

    RispondiElimina
  23. ciao! io dovrei utilizzare questa tecnica a scuola con i bambini... come può essere conservata per farsi che il giorno successivo sia lavorabile?

    RispondiElimina
  24. CIAO COMPLIMENTI PER I TUOI LAVORI, FAI UN SACCO DI COSE BELLE.... PASSA A TROVARMI LAFATACREATIVA.BLOGSPOT.COM A PRESTO

    RispondiElimina
  25. Questa pasta si colora con la tempera e/o colori acrilici? E quando?dopo averla fatta asciugare? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franci12. Allora, puoi aggiungere del colore acrilico direttamente all'impasto. Ricorda che durante l'asciugatura, tende a schiarire. Fai delle prove magari, così che tu possa capire quale sia la gradazione di colore più adatta a te. Si può anche colorare una volta asciutto. In questo caso, dovrai essere ben certa che l'asciugatura sia perfetta, altrimenti potrebbe sgretolarsi. Ti suggerisco perciò di optare per la prima opzione. Fammi sapere e, buon lavoro! Paola

      Elimina

Grazie per la vostra visita e per il commento.