♥♥♥ Benvenute a tutti voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

venerdì 23 gennaio 2015

Ricetta di risotto tardivo con gherigli di noci, mantecato con gorgonzola


Il radicchio tardivo, chiamato anche la "rosa d'inverno", è una delle verdure regine nella stagione invernale. Io lo cucino spessissimo, al forno, alla piastra, faccio la pastasciutta, la lasagna. e anche come risotto. Il risotto di cui vi parlo oggi, è decisamente particolare, ma bonoooo davvero ;).

Ingredienti:
- 5-6 bei ciuffi di radicchio tardivo
- un cipollotto
- brodo vegetale
- un bel cucchiaio di gorgonzola
- gherigli di noci tritati
- un pugno di riso a persone
- olio extravergine d'oliva
- sale q.b.



Procedimento: lavate accuratamente il radicchio e tagliatelo a listarelle sottili. In un tegame versate un filo d'olio d'oliva extravergine, e versate il cipollotto tagliato fine fine, e lasciate rosolare per qualche minuto. Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con il brodo vegetale (acqua con 1 carota, 1 costa di sedano ed 1 cipolla).

Unite al soffritto di cipollotto il radicchio tagliuzzato, e lasciate rosolare lentamente per qualche minuto. A questo punto unite il riso e tostate per circa 2-3 minuti, mescolando bene il tutto. Cominciate ora ad aggiungere il brodo vegetale caldo, piano piano, mescolando, fino ad arrivare alla cottura del riso, non dimenticandovi di aggiustare di sale.

A questo punto unite i gherigli triturati di noci e il cucchiaio di gorgonzola.

Mescolate velocemente, in modo da mantecare bene il tutto.

Versate nel piatto e spolverizzate con una manciata di parmigiano.

E' un piatto saporito, dove l'abbinata di radicchio, noci e gorgonzola si sposa davvero molto bene.

♥ ♥ 

Trascorrete un buon fine settimana, coccolati da tutto ciò che vi piace e fa stare bene, anche stare in pigiama, calzettoni di lana, mollettone in testa, accovacciate sul divano a crocettare, fare crochet, leggere, guardare la tv o....tutto quello che più vi sta a

mercoledì 21 gennaio 2015

Una cena Natalizia



 Buonasera e benvenute alle mie nuove followers.  Con oggi concludo i post dedicati a quello che è stato il mio Natale. E concludo mostrandovi alcuni scatti di una cena che ho organizzato a casa nostra, tutta a base di pesce.

Come vedete nel collage qui sopra, ho apparecchiato la tavola nelle tonalità del bianco e del rosso.




Come ferma tovaglioli, ho preparato una piccola composizione profumata, con una noce moscata e cannella, fermata da nastrino in tulle rosso e bianco.



E questo è il centrotavola di cui vi ho già parlato in un precedente post.

Per i pranzi e cene dove i protagonisti sono stati gli amici di mio figlio, ho voluto cucire qualcosa di simpatico, più adatto alla loro giovane età e decisamente meno formale.



Delle piccole calze dove dentro ho messo il tovagliolo e le posate. Il tutto sopra una tovaglia natalizia "very young".

§ § § § §


E con questo post, concludo questo quello che è stato il mio racconto dei giorni di festa appena passati, sperando di non avervi annoiate.

Si volta pagina e si volge lo sguardo a futuri lavori, cene, pranzi e....chissà quante altre cose! 

Intanto noi ci "rivede" venerdì con la ricetta!!! 

lunedì 19 gennaio 2015

Eccovi alcuni dei miei doni "hand made" di Natale




Buon inizio di settimana a tutte voi. Prima di concludere definitivamente la parentesi delle festività Natalizie (devo ancora mostrarvi una cosa), voglio farvi vedere i doni che ho creato per l'occasione, su commissione. Non mi sono ricordata di fotografarli tutti, che volete, sempre di corsa, aggiungiamo le necessità di mio figlio a seguito dell'incidente (....e lui viene PRIMA DI TUTTO...) che pensare anche di ricordarmi di fotografare....ma neanche fossi stata Mandrake...ah ah ah. La qualità delle foto non è il massimo, lo so, ma quando le ho scattate la luce non era delle migliori per via del tempo grigio che c'era in quei giorni....e a dire il vero che c'è pure in questi....

Qui sopra vedete dei quadernini con copertina a quadetto vichy bianco-bordeaux e bianco-blu, con scritta ricamata e nastrini in tinta.


Un alberello a chochet con nastrino  con cuoricini rossi....chi l'ha ricevuto se ne è innamorata tanto che, così mi ha detto, non lo ha riposto con le decorazioni natalizie, ma lo terrà tutto l'anno in bella mostra.


Dei mini cupcake confezionati come fossero dei veri e propri dolcetti.



Qui ho avuto una richiesta culinaria. Mi è stato richiesto di preparare dei vasetti di marmellate e mostarde. A me è stata data libera scelta su come confezionare il tutto, e il risultato è quello che vedete qui sopra.



Mi sono stati commissionati altri due cuori in legno, dopo che era stato visto il post di uno che avevo pubblicato. Uno in versione color panna e l'altro in versione color tortora.


Un cestino portapane in tessuto "cuoricioso" doble-face.


Dei ferma tende "cuoriciosi" anch'essi.

Ok donne, è iniziata un'altra nuova settimana, e come presumo la maggior parte di voi, si è ricominciato a correre, correre, correre.....

Che dite, ci si mette in lista per partecipare alle prossime olimpiadi???? ^_^

♥ BUONA SETTIMANA A TUTTE ♥


venerdì 16 gennaio 2015

Ricetta della mostarda di zucca



Era da un pò che pensavo di provare a farla, e finalmente sono riuscita a ritagliarmi il tempo per preparare qualche vasetto di questa buona mostarda di zucca.

Non è difficile da fare, proprio per niente, anzi direi tanto veloce quanto buona. Ok, partiamo?




Ingredienti

- 1 kg. di zucca tagliata a pezzetti
- 400 gr. di zucchero
- 1 bel cucchiaio di senape







Procedimento: Mettete in una ciotola capiente la zucca precedentemente pulita e tagliata a pezzi e aggiungete lo zucchero. Mescolate il tutto in modo accurato e ponete in frigo per tutta una notte.

Versate ora la zucca, con il liquido che si sarà formato, in un tegame inaderente, aggiungendo subito il cucchiaio di senape.

Ponete la pentola sul fuoco e fate cuocere, a fuoco lento, per 15 minuti.

La mostarda di zucca è pronta!

Ora sta a voi scegliere se lasciarla a tocchetti o, come invece ho fatto io, frullare il tutto con un frullatore ad immersione.

Versate in vasi perfettamente puliti e procedete alla sterilizzazione, mettendo i vasi in una pentola e coprendo perfettamente con acqua fredda. Da quando inizia a bollire, lasciare per 15 minuti. Spegnete il fuoco e NON TOGLIETE I VASI FINO A CHE L'ACQUA NON SARA' PERFETTAMENTE FREDDA.

Controllate SEMPRE che si formi un avvallamento del tappo, verso l'interno del vasetto. E' garanzia di sottovuoto.

Questa mostarda di zucca è ideale per accompagnare i bolliti, ma è altrettanto ottima con formaggi stagionati, o semi stagionati.


Ed ecco come ho confezionato un paio di vasetti di questa mostarda. Ho ritagliato una cotonina bianca a zigzag, fermandola con vari giri di spago al vasetto. Ho cucito una piccola  zucchina  mignon, cercando una tonalità di colore che si avvicinasse al colore della mostarda, e ho unito l'etichetta scritta a mano.


♥ BUON FINE SETTIMANA A TUTTE ♥

mercoledì 14 gennaio 2015

Un piccolo cuscino per un "Christmas corner" del nostro divano



Per i motivi oramai noti, prima di Natale, le mie corse erano aumentate. Dovevo per forza incastrare di andare per negozi di tessuti, trovandone di nuovi e altri già conosciuti, come quello della "Giesse di Mestre", dove ho trovato davvero molte occasioni . Il caso volle che nell'entrare in un negozio, sempre di stoffe, la mia attenzione venne catturata da un pezzetto di stoffa, con degli orsetti, messo lì, quasi nascosto. Lo presi, lo guardai e mi è piacque subito tanto.

Chiesi al negoziante quanto costasse e mi rispose "Signora non lo vuole nessuno, se le piace è suo per 1 euro"...PRESO! Non avevo idea ancora di cosa farci ma poi ho pensato, mentre guidavo, che nel mio divano ad angolo ci sarebbe stato bene.....


Ed eccolo qui, il mio piccolo cuscino con orsetti con slitta, insieme ai cuscini che ho cucito negli anni precedenti (Anna, riconosci il tuo?). Un angolino coccoloso che mi sono goduta durante le feste appena trascorse.

Alla prossima!


lunedì 12 gennaio 2015

Ecco come è stato il nostro Natale appena passato


Buon lunedì a tutte. Innanzitutto voglio dirvi che il controllo a mio figlio è andato bene, tutto sta procedendo, lentamente, ma piano piano sta guarendo. Il prossimo rientro in ospedale sarà a metà febbraio. Si dovrà attendere 12-18 mesi per decidere se rioperare per togliere il chiodo intramidollare, l'orecchio non ha subito trauma uditivo, e la ricostruzione è ok. La costola è praticamente apposto. E adesso....AVANTI A TUTTA BIRRA!!!!

Le festività appena trascorse sono state serene, un bel via vai di amici, conoscenti, hanno "invaso gioiosamente e allegramente" la nostra casa, chi non era potuto passare in ospedale, o a casa dopo la dimissione dall'ospedale di Nicolò, lo ha fatto in questo periodo.

§ § §

Oggi voglio mostrarvi pochi scorci della nostra casa vestita a festa. Qui sopra vedete un armadietto antico che contiene una montagna di libri, vecchi romanzi e non solo, vestito a festa.



Questo è un angolare, dove ho raccolto piccoli oggetti Natalizi ed una scatola di ceramica appartenuta ad una zia di mio marito, zia Fernanda di Prato. La conservo gelosamente, come tutti i bellissimi ricordi che ho di lei e dei nostri soggiorni in quella stupenda casa in Piazza San Francesco....



Qui invece avevo raccolto le ceramiche della Villeroy & Boch, insieme a dei pezzi di vetro di Murano, anch'essi decorati per le festività.

♥ ♥ ♥

Ed ora passiamo ai momenti di allegria assoluta, intorno alla tavola

 Mio figlio con uno dei suoi amici storici, Francesco il "Bocconiano", studia infatti alla "Bocconi" a Milano. Sono nati a pochi giorni di distanza, amici dalla culla.....ma veramente!!!.

Nicolò nato il 13 gennaio e Francesco il 18 gennaio....il ciuccio di reparto maternità di mio figlio è passato a Francesco...ah ah ah....







E qui vedete tre baldi giovani che insieme a Nicolò hanno ripetuto la tradizione di fare la spaghettata prima di partire per il Capodanno in montagna....non sto a dirvi a che ora ho cucinato....che stomaci d'acciaio!!! Mi è piaciuto sentire da alcuni di loro "Anche se non cammina, Nicolò ce lo veniamo a prendere e lo portiamo a spalle...".....ragazzi....siete FAVOLOSI!!!

E qui altri miei "bambini", Francesco e Nicholas...Francesco è di casa fin da piccolo e Nicholas da 10 anni....Il primo lavora in Rianimazione in Ospedale a Mirano e il secondo lavora ora a Milano, in banca.....Ragazzi davvero in gamba, presenti sempre, con Nicolò poi.....loro insieme a molti altri, sono i suoi "angeli custodi", praticamente Nicolò ha una valanga di fratelli maggiori.....VI ADORO!!!







E qui siamo io e consorte, la notte di Natale, nella piazza del nostro paese, a festeggiare insieme ai giovani, eravamo gli unici "over 50"....non vi dico le risate.....








Giornate e nottate semplici, ma davvero belle. Mi spiace non essermi ricordata di scattare altre foto, ma spesso arrivavano ospiti all'improvviso e proprio non ci ho pensato.

Ma ringrazio TUTTI  ma proprio TUTTI quelli che sono venuti, per la loro voglia di stare insieme a noi, per Nicolò in modo particolare, per il piacere di condividere anche dei dolci al volo fatti nel pomeriggio.....bello, bello davvero.....

Un bacione e un abbraccio ad Alberto (detto Albertone, il fratellone), Francesco M., Caterina, Linda, Veronica, Gian Marco (detto Giammi),  Stefano S., Vania, Andrea B, Andrea M., Marco (detto Ridu), Giuseppe (Beppe), Marco, Lorenzo, Tommaso, Matteo, Gabriele, Elia, Alessandro F, Michele, Gaia, Eddy, Lorena, Daniela con Andrea, ......ci vediamo presto!!!

▬ ▬ ▬ ▬ ▬ ▬ ▬

Permettetemi ora di fare una riflessione su quanto accaduto in Francia. Non faccio retorica, non la amo per niente. Voglio solo dire che non esiste alcun DIO che chieda di UCCIDERE. Ma cosa stiamo diventando? Ma cosa hanno al posto del cuore certi "soggetti"? PIETRE??? E sono davvero certi che una volta di là saranno perdonati per ciò che hanno fatto?.....non penso proprio....ma proprio NO! La vita è SACRA!!!!!!!

Nel post di oggi vi ho parlato di cose semplici ma dai valori e sentimenti VERI e profondi, almeno per me, per noi...e questo è ciò che trasmetto a mio figlio, e a tutti i ragazzi che frequentano la nostra casa, augurandomi che il messaggio arrivi, perchè loro sono il mondo di domani....e spero ardentemente che NON SIA QUELLO CHE STIAMO VEDENDO TUTTI NOI IN QUESTI GIORNI.

♥ ♥ ♥

venerdì 9 gennaio 2015

Petti di pollo con verdure




Ed eccoci con le feste alle spalle, tanta nostalgia, passate velocemente.....ma proprio tanto velocemente....Ok, prendiamone atto, chiudiamo albero, decorazioni e quant'altro negli scatoloni e diamogli un "arrivederci a fra 10 mesi....non di più...."....;).

Il Natale con i suoi cenoni, pranzi, inviti con parenti ed amici, ci regalano momenti dolcissimi, ma anche....qualche problemino con la bilancia......e che cavolo, daiiii....vabbè ragazze rimettiamoci in riga....in attesa del carnevale....OVVIO!!! Ah ah ah....

Vogliamo partire con una ricettina veloce da "leccarsi le orecchie" e salutare?....Ok...andiamo...

Ingredienti:

- petti di pollo
- 1 zucchina
- 1 peperone
- funghetti sott'olio
- 1 cipollotto
- 1 spicchio d'aglio
- olio extravergine d'oliva
- sale e pepe q.b.


Procedimento: Lavate il peperone, toglietegli i semi e tagliatelo a pezzetti. Tagliate a pezzetti anche la zucchina, tagliate a rondelle il cipollotto. In un tegame inaderente mettete un filo d'olio d'oliva extravergine ed aggiungete lo spicchio d'aglio, lasciatelo rosolare per qualche minuto, dopo di che toglietelo.

Unite il cipollotto, il peperone e la zucchina e fate cuocere per qualche minuto, a fuoco lento. Scolate i funghetti sott'olio e uniteli alle verdure. Cuocete per 10 minuti.

Unite i petti di pollo e continuate la cottura a fuoco lento, rigirando la carne di tanto in tanto, fino a cottura ultimata. Aggiustate di sale e pepe.

Voilà, il piatto è servito.

§ § § § §


Questa mattina per mio figlio Nicolò, e per noi genitori, sarà una mattinata particolare. Infatti questo post lo sto scrivendo all'alba.

Si torna in ospedale, per capire come sta andando, se la riabilitazione sta facendo il suo corso.

Io sono fiduciosa, mio figlio ce la sta mettendo tutta, è davvero in gamba, non demorde, si è rialzato, con grande, grandissima fatica, si sta impegnando davvero moltissimo, e in più sta studiano speditamente.

Ha ripreso anche la macchina, cosa che io e suo padre volevamo assolutamente, aspettavamo solo il consenso dei medici....GRANDE IL NOSTRO NICOLO"!!! 

Dai forza...pensiamo positivo....SEMPRE E COMUNQUE....e incrocio le dita....da lassù sono certa qualcuno sarà con lui oggi...e per tutta la vita....ne sono certa!!! 

♥ ♥ ♥