♥ Benvenuti nel mio blog. Qui avrete modo di conoscere le mie passioni creative e culinarie.....e tutto fatto con amore ♥

venerdì 25 maggio 2012

Come conservare gli asparagi al naturale



Essendo questa la stagione perfetta per gli asparagi, voglio insegnarvi come poterli conservare per l'inverno.

Acquistate degli asparagi FRESCHI, che abbiano la punta bella ritta che è sinonimo di freschezza. Puliteli raschiando leggermente la parte finale del gambo. Lavateli accuratamente e tagliateli tutte della stessa altezza del vaso che dovrà contenerli.


Questo è il vaso che uso io per conservare questo ortaggio.

Disponeteli quindi DIRETTAMENTE dentro il vaso che dovrà essere BEN PULITO.

Portate ora ad ebollizione dell'acqua, io uso quella delle bottiglie naturali perchè la mia è particolarmente piena di calcare e non mi piace. Salate e dopo che ha bollito per qualche minuto, spegnete e lasciatela raffreddare.

A questo punto versatela direttamente nel vaso dove avrete messo gli asparagi fino a coprirli completamente.

Chiudete ermeticamente e procedete alla sterlizzazione che, in questo caso, dovrà essere di 30 minuti dall'inizio dell'ebollizione.

Non togliete i barattoli dall'acqua dove li avrete fatti sterilizzare finchè non sarà perfettamente fredda.

Io li faccio da qualche anno e me li ritrovo belli e pronti durante l'inverno o per degustarli come contorno, o da mettere sopra la pizza, o per preparare un risotto o un sughetto.

Ho ricevuto delle richieste di spiegazioni, dopo aver pubblicato la ricetta della marmellata di fragole , riguardo a come io procedo ogni qualvolta preparo qualcosa da conservare.

Ora vi dico come faccio PER OGNI TIPO DI CONSERVAZIONE, che va dalle marmellate, alle salse di pomodoro, ai sott'oli, ecc. per avere maggior garanzia di igene ed evitare il temuto BOTULINO.

Dopo aver lavato molto attentamente i barattoli, li metto dentro una pentola con dell'acqua bollente e li porto a ebollizione per almeno 20 minuti.

Li tolgo dall'acqua calda e li capovolgo su un CANOVACCIO PULITISSIMO.

A questo punto introduco il prodotto che voglio conservare per poi procedere alla sterilizzazione.

Cambio OGNI VOLTA i tappi, acquistandone di nuovi.

Procedo poi alla sterilizzazione come vi ho già spiegato varie volte.

Il tappo delle conserve deve fare una sorta di "tac" quando è sottovuoto. Se il tappo non dimostra un avallamento verso l'interno dello stesso o, peggio, vedete un rigonfiamento significa che la conservazione non è corretta e quindi il prodotto è tossico.

Altra cosa da fare se si vuole essere ancora più sicuri, odorate le conserve quando le aprite. Devono avere il profumo come fosse appena fatto. Se l'odore è acre significa che non è commestibile.

Io faccio conserve da 30 anni, è questo tipo di procedimento mi è stato insegnato da donne meravigliose che sanno fare di tutto e di più!

Spero di essere stata chiara e se qualcuna di voi ha delle domande io sono qui.

Voglio sperare ARDENTEMENTE che questo fine settimana sia nel segno della PACE, SERENITA' e AMORE per chi in questi tristi giorni non ha nulla di tutto questo e che da Lassù arrivi per tutti loro un aiuto concreto.

Un abbraccio fortissimo a tutte le mie amiche dell'Emilia Romanga e una valanga di amore per quei genitori di Brindisi.





18 commenti:

  1. >Grazie provo a farli ciao mille grazie Giuliana

    RispondiElimina
  2. Paolaaaaa grazie,sei stata chiarissima!!
    Mi unisco al tuo saluto!!
    Buon w.e.
    Un abbraccio
    Sabry!!

    RispondiElimina
  3. Ottimi consigli mi saranno molto utili e spero di metterli in pratica prima o poi. Vedo che anche a te piacciono gli asparagi! Ho fatto gli sformatini pane e asparagi e se riesco lunedi metterò il post con la ricetta.

    RispondiElimina
  4. ciao polly grazie per i consigli, io con gli asparagi ci faccio i centrifugati, li bevo, ma se volessi conservarli adesso so come si fa.)
    Ciao bacioni rosa mi unisco a te nell'abbraccio virtuale per tutte le persone che in questi giorni hanno sofferto, per cause naturali e non, a presto:) buon week end

    RispondiElimina
  5. Zia Polly sei sempre unica...Grazie!

    RispondiElimina
  6. Io invece, dopo averli lavati e pelati, taglio il fondo a rondelline per i risotti, e poi metto semplicemente nei sacchetti e congelo. Man mano che mi servono tiro fuori il pacchetto e li cucino al vapore direttamente da surgelati :-)
    Baciotto e buon fine settimana, Patty

    RispondiElimina
  7. Sei un pozzo di sapere. Che idea, peccato che gli asparagi del mio orto sono finiti, e io li ho solo congelati. Non mi fido delle ricette trovate sui giornali per le conserve, come dici tu il botulino è un'insidia, ma le tue sono "provate e sicure". Mi stringo nell'abbraccio anch'io, e mi auguro che per tutti gli emiliani arrivi un pò di serenità e tanto coraggio per i genitori di Brindisi.Ciao Anna.

    RispondiElimina
  8. Paoletta, ma tu dovresti scrivere un libro con tutte le cose che sai fare..pensaci seriamente!!
    Un bacione e grazie per i tuoi preziosi consigli
    paola

    RispondiElimina
  9. Ciao Paola, le indicazioni sono molto utili, provero` gli asparagi conservati!
    Condivid, se permetti, il tuo augurio di pace e serenita` per gli amici dell`Emilia e per quei povei genitori di Brindisi!
    A presto

    Patri

    RispondiElimina
  10. Sei sempre piena di idee e di consigli.
    Mi unisco al tuo pensiero per le persone colpite dai disastri in ogni senso.
    Debora

    RispondiElimina
  11. Ho ancora un vasetto della composta pere peperoni, voglio vedere se è ancora buona, ormai saran passati sei mesi. E poi devo fare la marmellata di fragole, ormai sono lanciata! Gli asparagi non mi piacciono...
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. Ma Paola.....così mi fai fare brutta figura!!!
    Quel pettegolo di mio marito ieri sera si è messo a guardare il tuo post precedente, quello della cena che mi avevi descritto al telefono, sai che ha detto??
    Guarda...guarda Paola cosa fa con il pesce, guarda che manicaretti e tu niente!!!
    Che strazio che sono!
    Comunque questo tipo di pesce lo adoro anch'io eh?!
    Buona domenica cara
    Susy x

    RispondiElimina
  13. Ciao Paola,gli asparagi non mi piacciono,ma i tuoi consigli sono preziosi,grazie per aver spiegato come procedere per la conservazione,è la cosa più importante altrimenti...tutto lavoro perso.Anche io ho ancora in mente tutte quelle pietanze del post precedente,che bontà!Ti auguro una serena domenica,una carezza a Matrix!Baci,Letizia.

    RispondiElimina
  14. Ciao ziapolly...gli asparagi mi piacciono,eccome,ma il tempo tiranno mischiato alla pigrizia mi impediscono di mettermi a questo tipo di conserva! peccato però sono sicura che sono buonissimi!spero che i prossimi giorni siano migliori per tutti!!!
    ciao lieta

    RispondiElimina
  15. Grazie per questi insegnamenti preziosi, queste si che sono cose utili, chi non ha avuto la fortuna di avere mamme, zie ecc che tramandano questi procedimenti sennò come fa? Ciao, bacioni, Lina

    RispondiElimina
  16. Ciao cara, un post pieno di speranza e amore!

    Ti abbraccio

    Marica

    RispondiElimina
  17. I tuoi post sono una miniera di insegnamenti !!
    Anche se poi non realizzo mi piace leggere le tue ricette e ammirare i tuoi piatti!!
    Ti giuro che mi piacerebbe molto anche assaggiarne qualcuno!!
    Augurando a tutto il nostro paese dei giorni migliori,ti abbraccio
    Dani

    RispondiElimina
  18. grazie delle spiegazioni
    ciao
    Cris

    RispondiElimina