♥♥♥ Benvenute a tutte voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

mercoledì 3 settembre 2014

Una passeggiata sul Montello



Il Montello è una località del Trevigiano, molto conosciuta e famosa dove poter mangiare polenta, funghi e sopressa, un insaccato molto saporito che si avvicina molto a quello che in altre parti d'Italia si chiama capocollo. Ma molti altri sono i piatti tipici di questa zona, come lo spiedo, il pollo in umido e tante varietà di verdure stagionali.  Il Montello appare come zona collinare, quasi montuosa, in realtà questa sorta di rilievi altro non è che il risultato di quello che millenni fa fu lo scontro tra il Continente Europeo e quello Asiatico, levigato nei secoli successivi dal fiume Piave e dagli agenti atmosferici. Si è deciso di fare una girata tra questi meravigliosi luoghi, insieme a mia madre, nostro figlio e Linda la sua ragazza.



Il tempo era incerto, come lo è stato per tutta questa estate ma ci ha lasciato il tempo di trascorrere delle belle ore immersi nel verde, nel silenzio. Qui sopra si intravede da lontano rispettivamente, a sinistra mio figlio che va in esplorazione, mio marito al centro, e sotto quel magnifico castagno, Linda che legge un libro seduta su una panchina di legno.






Meravigliose distese di verde, tante piante di ogni genere e tanti alberi di castagno....


...alberi di pere....


...di fichi...



....fragoline selvatiche e lamponi...


....orti perfettamente curati qua e là...



Ho guardato a lungo questa casa, senza essere indiscreta....usciva dalla porta profumo di buono, di torta e di caffè. Ogni balcone aveva dei magnifici geranei rossi.




Ho chiesto se potevo scattare una foto a questo insolito porta pianta, mi è piaciuta un sacco questa idea e ora devo scovare una vecchia caffettiera per metterci anche io una piantina, troppo carina, non trovate?


E mi sono emozionata nel guardare i "miei bambini" passeggiare insieme.....

E appena rientrati a casa è venuto giù il diluvio universale, ma il ricordo di questa bella giornata non è stato minimamente scalfito.

A venerdì per la ricetta. 

7 commenti:

  1. Tutto meraviglioso... i luoghi, le piante, la casa, la caffettiera, i tuoi "bimbi", te e la tua mamma!
    Un grosso bacione
    Laura

    RispondiElimina
  2. che belle foto Paola...un luogo stupendo dove verrei tanto volentieri...l'ultima foto dei "bimbi"una meraviglia!baciiiii:)simona

    RispondiElimina
  3. Cara Paola dopo la prima parte e senza neanche vedere le foto mi avevi convinta ... ne vale proprio la pena una visita in questo paradiso terrestre ,,,, mi diverto anch'io a riempire le caffettiere con le piantine sono deliziose non trovi ??? un abbraccio e grazie della gita giusi

    RispondiElimina
  4. Cara Paola,
    Che bello vedere le foto del tuo post... un po' malinconico come sia di noi abbiamo amato tanto la zona. Per sempre c'è nei nostri cuori. Che gioia vedere i bambini nel modo che hai fatto in queste foto.
    Abbracci,
    Mariette

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia e che posti rilassanti! Tanto verde, alberi da frutto e la tua felicità che traspare da immagini e parole! Brava, queste sono quel tipo di giornate che fanno bene al cuore!

    RispondiElimina
  6. camminare tra il verde e la pace di questi luoghi è bellissimo, chissà poi degustare i piatti tipici che bello
    aggiungi la compagnia della tua bella famiglia e tutto è reso più bello
    un bacione e un grazie affettuoso cara Paola Valeria

    RispondiElimina
  7. Che senso di rilassatezza e di pace mi hanno dato le tue immagini. Mi hai concesso una poetica fuga dalla città. Quella casetta è fiabesca. La caffettiera è carinissima ed attendo di vedere la tua con tanto di piantina, ok? Belli i due piccioncini...oh..l' amour!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina

Grazie per la vostra visita e per il commento.