♥♥♥ Benvenute a tutte voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

venerdì 4 ottobre 2013

Gnocchi di polenta


 La polenta a casa mia si fa spesso e non solo quando preparo il pesce. Io l'adoro con lo spezzatino in umido o il brasato, e anche con il fegato alla veneziana. Capita però che possa avanzare un pezzo di polenta e io ho  imparato come riutilizzarla in modo diverso dal passarla sulla gratella o friggerla grazie ad una signora, Miranda è il suo nome, che anni fa mi indicò questa ricetta. Mi suggerì anche di preparare la polenta apposta il giorno prima per fare il giorno dopo gli gnocchi, e figuriamoci se io non ho seguito questo invito!

Ingredienti: polenta avanzata, 1 uovo intero, farina "00" q.b.

Procedimento: su di una spianatoia ponete la polenta avanzata e schiacciatela con le mani. Fate un buco al centro di questa polenta "spappolata" e metteteci l'uovo intero e cominciate a versare la farina. NON AGGIUNGETE IL SALE, perchè lo si mette preparando la polenta. Cominciate a lavorare con le mani, e unite la farina fino a che otterrete un impasto abbastanza sodo, NON DURO mi raccomando.

A questo punto prendete il mattarello, infarinatelo, e tirate questo impasto, fino ad ottenere uno spessore di 2-3 mm.


Prendete un coltello e cominciate a tagliare delle linee prima in verticale o poi in orizzontale



ottenendo così tanti quadrati come vedete nella foto qui sopra. Ponete una pentola sul fuoco e, appena l'acqua bolle, salate e cominciate a buttare questi gnocchi di polenta. Appena torneranno a galla sarà il segnale che sono cotti.

A questo punto potete condirli a piacere, con una buona salsa di pomodoro, burro e salvia, o con il ragù come ho fatto io, con una bella manciata di parmigiano.

E' una ricetta che suggerisce uno dei tanti modi per riutilizzare un avanzo e vi garantisco che sono davvero squisiti. Tra l'altro, a differenza degli gnocchi di patate, questi possono essere preparati con largo anticipo, basta lasciarli separati l'un l'altro e con della farina sopra e coperti da un canovaccio pulito.

Chi mi conosce da tempo sà che amo scherzare, soprattutto su me stessa e anche sulle mie disavventure (vedi tombolone per le scale che ancora mi porta noie e chissà per quanto.....), sono così e lo sarò fino alla fine dei miei giorni. Nonostante io non abbia avuto una vita facile, tutt'altro, ho imparato sulla mia pelle che non serve a nulla vivere con il rospo nel cuore, bisogna andare avanti e, soprattutto, non rimanere indifferenti davanti alla sofferenza che sia di una vicina di casa o di chi muore sulla soglia della nostra porta, arrivando da paesi lontani, chiudendosi nel proprio dolore.

Da ieri, con quello che è successo a Lampedusa, il sorriso mi si è spento, appena posso guardo in alto e faccio una domanda "PERCHE'", una domanda che da anni, per vari motivi, rivolgo guardando Lassù.

Invito chi passerà da questo minuscolo mio blog, anche in modo silenzioso, se lo desidera,  di rivolgere un pensiero, una preghiera, o quello che sentono di poter fare nei confronti di chi soffre, che scappa dalla guerra, e per tutti coloro che sono in gravi difficoltà, anche nel nostro "Bel Paese".




30 commenti:

  1. Cara Paola,mi sembra doveroso,rivolgere un pensiero e una preghiera per quelle persone che hanno trovato la morte!Una vera strage che ha lasciato sconvolta anche me!Concordo con te che qualsiasi cosa ci capiti disperarsi serve solo fare del male a noi e a chi ci sta vicino.Ti abbraccio,Rosetta

    RispondiElimina
  2. Cara Paola, sei un'anima bella aderisco volentieri al tuo invito.
    E mi copio questa ricetta golosa, che non conoscevo.

    RispondiElimina
  3. Hai ragione...ormai mi sembra che questo paese sia sempre meno bello e sempre più egoista...
    i gnocchi di polenta saranno buonissimi
    ciao
    Mari

    RispondiElimina
  4. Carissima Paola, condivido parola per parola il tuo pensiero. ti abbraccio forte forte forte Lory

    RispondiElimina
  5. Brava Paola, hai sempre un pensiero per tutti e non posso fare altro che unirmi a te nella preghiera.
    Un abbraccio e a presto
    Adriana

    RispondiElimina
  6. ciao Paola, non avevo mai sentito questa ricetta, e si che la polenta gira parecchio anche da noi, grazie per la ricetta e complimenti, sono bellissimi questi gnocchi.
    Mi unisco a voi, sconcertata ed incredula che possano accadere cosi' spesso ultimamente eventi talmente tragici senza che nessuno prenda provvedimenti, non ci resta che pregare per questi povere persone, un abbraccio rosa a presto.

    RispondiElimina
  7. Buonasera cara Paola, anch'io mi unisco nella tua preghiera e penso che potrei esserci io al loro posto, come sono stata fortunata!
    Ma ti abbraccio anche perchè sei una bravissima cuoca e le tue ricette sono semplici ma d'effetto!! Penso proprio che la proveremo, *Maristella*.

    RispondiElimina
  8. Questa ricetta è facile (adatta a me) e soprattutto immagino squisita!
    Oltre a una brava cuoca sei anche una donna dal cuore grande!
    Un abbraccio Paola e buon fine settimana
    Daniela

    RispondiElimina
  9. ma quanto sei brava!!!non ho ancora cenato e ho una fame...
    hai ragione Paola, perchè.....il perchè me lo ha chiesto anche simone quando è uscito da scuola.....poi mi ha detto "abbiamo fatto un minuto di silenzio, e tu?"
    nel nostro piccolo, purtroppo, solo questo possiamo fare....
    ti abbraccio simona

    RispondiElimina
  10. Cara Paola,
    La mi'amica italiana del Ristorante da Maria li rende anche così auto e delizioso. Ammirevole! Cordiali saluti e bel weekend.
    Mariette

    RispondiElimina
  11. Che ricetta sfiziosa, sai che mi hai dato proprio una bella ricettina? Da provare! Buona serata!

    RispondiElimina
  12. Io sono una polentona e amo la polenta del giorno dopo, perchè secondo me è ancora più buona. Questi gnocchi sono squisiti!!! Che belle parole che hai scritto...hai un grande cuore. Mi unisco a chi soffre
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  13. che bellissimo piatto, baci felice weekend!

    RispondiElimina
  14. Mi unisco alla tua preghiera..........,e non ho solo parole per quello che è successo a Lampedusa,ma anche per il nostro paese!!
    Un bacio!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  15. Mi sembrano ottimi
    ciao Giuliana

    RispondiElimina
  16. Sempre un piacere venirti a trovare..
    un saluto Elisa

    RispondiElimina
  17. Paola cara,la tua sensibilità si trasmette sempre,sia con il sorriso sia con la condivisione di eventi tragici.

    Ma questa ricettina...Maccheroni di polenta...da provare!!!
    Buona domenica
    Lieta

    RispondiElimina
  18. Non ho mai fatto la polenta , ma il tuo piatto è così invitante che mi viene voglia di farla !
    Un abbraccio e buona settimana !

    RispondiElimina
  19. Paola,ho letto il post precedente e faccio tanti,tanti complimenti a tuo figlio,hai ragione ad essere orgogliosa,è stato molto bravo!Complimenti anche per il bellissimo cuscino!
    Per quanto riguarda la ricetta,per me è una novità...da provare senz'altro!
    Mi unisco al tuo dolce e sensibile pensiero con una preghiera.
    Buon inizio di settimana
    baciotti
    Letizia

    RispondiElimina
  20. Io li adoro ai funghi porcini!! Ottimi! Silvia

    RispondiElimina
  21. ciao Paola, grazie per la tua sfiziosissima ricetta e soprattutto grazie per la tua sensibilità ...
    un abbraccione
    patri

    RispondiElimina
  22. Mmmh!! come mi prendi per la gola e si che sono golosa ma con questo bel piatto come si fa a non esserlo? Ho visto anche le tue zucchette all'uncinetto sono deliziose, bravissima!

    RispondiElimina
  23. Grazie per la ricetta ma soprattutto per la condivisione di sentimenti...in questo caso tristissimi!
    Mi unisco alla preghiera per tutte le persone che hanno perso la vita in questa tragedia e per chiunque si trovi in difficoltà di ogni genere..e purtroppo sono tanti!
    Un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina
  24. Ciao cara,anche io mi sono commossa molto sia per quei poveri immigrati,sia per la gente Italiana che vive li',tanti sono stremati da tasse e problemi..
    La tua pasta mi sembra genuina,come te e tutte le tue creazioni !
    Un bacione :-)

    RispondiElimina
  25. Un po' mi vergogno.... non commento quasi mai (forse è proprio per questo che le mie followers diminuiscono anzichè aumentare! ahahahah) eppure ho letto tutto: dal brodo di giuggiole alla vellutata, dalle zucchette mignon al cuscino cuoricioso,per non parlare dei gnocchi di polenta! Che dire? sai fare tutto e tutto bene. Apprezzo ogni cosa tua.
    Un bacio
    mimma

    RispondiElimina
  26. Cara Paola, riesci sempre a stupirmi ogni volta che vengo a trovarti! Ammetto di non essere una patita della polenta ma, in questa versione è davvero irresistibile. Grazie, mi hai dato un'idea molto preziosa che, sicuramente, metterà d'accordo tutti a tavola...almeno per una volta!

    Buona serata!

    RispondiElimina
  27. invece di quadrotti...posso farli a forma uguale a quelli di patate????Grazie Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela ti rispondo qui perchè non visualizzo il tuo indirizzo mail. Gli gnocchi di polenta mi sono stati insegnati così e non credo si possano fare come quelli di patate, l'impasto è diverso. Ma chissà magari potrebbero anche venire, ci si può provare......la prossima volta verifico. Se ci provi tu fammi sapere se ti sono riusciti. Un abbraccio. Paola

      Elimina
  28. Paola io non alzo gli occh in su io guardo verso chi ha la responsabilità umana di queste catasrofi che si possono prevenire ma NESSUNO VUOLE prevenire perche' ci speculano tutti dagli scafisti ai governi che da un lato si liberano di "pesi" e dall'altro lato ci lucrano soldi perche' comuque queste tragedie sono un businnes anche pe i paesi come l'Italia dato che magari molti non .lo sanno ma prendiamo soldi dalla comunita economica e questi soldi invece che essere destinati ad alleviare queste tragedie finiscono come al solito nelle tasche senza fondo di chi ci governa. non occorre scomodare il buon Dio per questo, occorre prendere a calci nel sedere chi di queste tragedie ne fa il businnes del momento!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra visita e per il commento.