♥♥♥ Benvenute a tutte voi che siete arrivate qui, nella mia casetta virtuale. Se vi farà piacere, potrete condividere con me le cose che amo di più creare con le mie mani, dal crochet, al cucito, al ricamo, nonchè delle ricettine da sperimentare per voi e per chi amate ♥♥♥

martedì 13 settembre 2011

Cuscini ricamati

Buongiorno amiche. Temo di aver parlato troppo presto a proposito del clima: qui dalle mie parti è tornato a fare un caldo.....ma un caldo.....e siamo già a settembre inoltrato! Pensate che domenica mattina alle 7.30 ero in autostrada e non vedevo nulla per la nebbia. Ho fatto andare il tergicristallo perchè c'era talmente tanta umidità che praticamente pioveva e l'afa era pazzesca. I miei capelli sembravano stracolmi di gel, potevo essere l'interprete di Greese....sè....ma dei poveri! A proposito, anni fa ho recitato per la parrocchia proponendo Greese: io facevo l'uomo e mio marito la donna......vi lascio immaginare, siamo usciti con occhiali scuri e coperti fino alle orecchie per mesi per non essere riconosciuti....ma quante risateeeee!!!!!

Come sempre ultimamente sono di corsa ma voglio mostrarvi dei piccoli cuscini che ho ricamato come mi è stato insegnato da Liviana anni or sono (amica toscana) con il punto PUNTACCIO. Ultimamente, soprattutto alle fiere tipo quella di Vicenza l'ho visto in vari stand chiamato "Broderie Suisse". Mah, sarà, ma questa meravigliosa Signora Montevarchina, ricamatrice sublime, lo ha imparato come uno dei punti nati nella sua Regione Toscana e così lo insegnò a me. In ogni caso chiamato in un modo o in un altro è davvero, a mio parere, molto particolare e davvero bello.


Questa è una versione del ricamo. Noterete che il disegno centrale è a rombo.


Quest'altro invece ha il ricamino centrale a crocetta.


Il rovescio dei cuscini.

Ne sto ricamando altri due, sempre con il ricamo diverso. Misurano all'incirca sui 30-32 cm e sono adatti per panche, divani, seggiole da taverna.

Vi voglio raccontare cosa io e mio marito abbiamo visto qualche giorno fa, in un negozio in centro a Treviso. Il negozio in questione è di quelli che piacciono a me e anche a molte di voi stile Shabby, con una marea di cuori di forme e materiali diversi, arredo, corsie per tavolo e....cuscini. Noi eravamo entrati perchè c'era un portacandela carino e volevamo chiederne il prezzo. Davanti a noi vi era una coppia che aveva in mano un cuscino, delle dimensioni di quelli che vi ho appena fatto vedere, semplice, bianco con una piccola passamaneria intorno ed un'applicazione centrale. Nessun ricamo e nessuna cosa di particolare valore. Quando la proprietaria ha detto loro il prezzo (50 euro escluso imbottita) la coppia lo ha riposto e ha cominciato una piccola discussione con la proprietaria la quale, guardando me e mio marito, quasi per chiedere manforte, cercava di spiegare che meno di quel prezzo non valeva. Francamente non li valeva, il prezzo era decisamente elevato. Queste persone se ne sono andate senza acquisti e boffonchiando e la padrona mi ha chiesto un parere e io, sincera come sono sempre e comunque, accertandomi che nessuno sentisse e con delicatezza, ho cercato di farle capire che effettivamente era un pò caro. Si è poi lamentata perchè vende poco. Mi è dispiaciuto per lei ma, come ho avuto modo di notare, il suo negozio esponeva articoli che portavano l'etichetta "Made in China", ben disposti per carità, sembravano davvero arrivati dalla Francia o dall'Inghilterra ma molte persone guardano la provenienza e quindi capiscono che il prezzo non li vale.

Questo mi ha fatto riflettere e molto. Chissà quante cose ci vengono spacciate per fatte a mano, provenienti dalla Provenza o altro luogo, mentre in realtà sono fatte in Cina, niente di fatto a mano ma prodotto in serie, e chissà con quali tinture colorati i tessuti e quant'altro. Sicuramente ci sarò cascata anche io nell'acquistare qualche oggetto di cui non si conosce l'origine. Per i tessuti però io sto attenta e ho la mia negoziante di fiducia, la quale mi fa sempre vedere la provenienza dei tessuti.

Ma il nostro artigianato, fiore all'occhiello del nostro Paese, dove è andato a finire? Nessuno oggigiorno ha tanti soldi da spendere ma io sono dell'idea che meglio acquistare una sola cosa ma fatta a regola d'arte o meglio rinunciare.

Sicuramente molte di voi non la pensano come me e le rispetto ma, scusatemi,  amando la mia Nazione vorrei fosse rivalutata come meriterebbe partendo proprio dai nostri meravigliosi artigiani.

Cercherò di passare a visitare i vostri blog! BACIONI A TUTTE!!!!!

19 commenti:

  1. ciao carissima, forte la storia di grease. per quanto riguarda i cuscini..il tuo è carinissimo. per i costi dell'artigianato...non sempre sono capiti. noi alla sagra di domenica abbiamo avuto persone che ci dicevano che un prodotto era caro e altre che costava poco riferendosi allo stesso. qualcuno tiene conto del fatto a mano, altri non sanno cosa vuol dire, non capiscono che dietro un prodotto magari c'è una giornata di lavoro..e d'altronde alcuni prodotti importati costano talmente poco!!!

    baciii

    RispondiElimina
  2. ciao polly si abbiamo parlato troppo presto di fresco, il caldo c'e' ancora specie nel pomeriggio, complimenti per il ricamo bellissimo e carinissimo, trovi sempre il tempo.)per quanto riguarda i prezzi ci sono sempre i furbi, ma anche noi ormai sappiamo valutare le cose come hai fatto giustamente anche tu, facendole puoi capire...probabilmente ci avranno fregato qualche volta, ma se ci si serve sempre da un negozio di fiducia questi rischi sono meno frequenti penso, ciao grazie bacioni rosa a presto buona giornata.)

    RispondiElimina
  3. Beh è vero...la maggior parte dei prodotti ormai è made in China...i cinesi sono maestri nel copiare tutto però a qualità nettamente inferiore...
    forse per questo mi piace il vero shabby chic che recupera gli oggetti praticamente dalla discarica anche se l'oggettistica di Blancmariclò e similari è molto accattivante
    Qui il caldo è gradevole c'è a non s suda...
    mi spiace per l'estate torrida che hai avuto tu
    Un bacio
    Mari

    RispondiElimina
  4. E' un tipo di ricamo che mi ha sempre affascinato, un rustico romantico se così si può dire. E poi il quadrettino è sempre così tenero! proprio belli. Certo che avere la faccia tosta di chiamarli,adesso, broderie suisse...... e nessuno che protesta!
    Per l'artigianato Paola,penso che sia ormai una causa persa:da noi la mano d'opera costa troppo a quanto pare e nessuno (stilisti in primis) vuole rinunciare a guadagnare - a volte straguadagnare. Per questo hanno ancora più valore le piccole cose che ci facciamo noi da sole: quelle sappiamo da dove vengono!
    Un bacione.
    PS: ma quale caldo? è emigrato tutto lì? qui in Padania si sta veramente bene,anzi al mattino ci vuole il golfino,leggero sì ma utile! Ti mando un po' di freschetto in prioritaria?????

    RispondiElimina
  5. Sono troppo carini e si sa che i prodotti fatti a mano costano fatica e impegno, chi non li apprezza non li merita!!!Vale anche per le torte e altro... Bacioni!!

    RispondiElimina
  6. Caldo pazzesco anche qui,accompagnato da umidità!Il tuo centrino mi piace molto e lo vedo benissimo in cucina!Hai fatto bene a dire la tua per il cuscino,ma siamo matti a quel prezzo!Bacioni,Rosetta

    RispondiElimina
  7. Posso assicurarti, dopo la mia ultima vacanza in terra di Provenza , che neanche lì si compra più merce originale.Il 60% dei loro prodotti sono made in Cina. Senza contare che a Isle sur la Sorue volevano spacciare una gabbietta per uccelli addirittura per un pezzo di fine ottocento, peccato che non si erano accorti che all'interno c'era un talloncino made in Cina. Dovremmo imparare ed essere più nazionalisti ed apprezzare il nostro artigianato.Un abbraccio Gilda

    RispondiElimina
  8. cara Paola, lasciamo stare il caldo e l'afa, ho la pressione sotto i tacchi e collasso appena mi muovo!
    Per la tua riflessione, concordo in pieno: è per questo che alla fine vado a cercare i tessuti di cent'anni fa nei mercatini! Comunque sempre guardare l'etichetta...un bacio

    RispondiElimina
  9. cara paola, il tuo cuscino è proprio delizioso.....e concordo con quanto hai detto tu, dovremmo nel nostro piccolo, cercare di rilanciare il prodotto artigianale, il vero fatto a mano e con amore....ti abbraccio lory

    RispondiElimina
  10. Complimeni x il cscino, n capolavoo!!!! x l'accaduto, non commento aprirei una polemica infinita!!!!! baci8!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao stella! Che meraviglia di cuscini hai fatto! Altro che made in China! Purtroppo ogni tanto ci facciamo "intortare" per bene da qualche negoziante senza scrupoli il cui unico scopo è il guadagno..
    Anche qui c'è un'afa pazzesca, solo di notte si riesce a respirare un po'..a scuola poi di pomeriggio è un forno! Poveri bimbi (e maestre)!
    Un abbraccio
    paola

    RispondiElimina
  12. Avrei proprio voluto esserci alla commedia, immagino quanto ridere!!! I cuscini sono bellissimi...Paolaaaa, voglio imparare anch'io!!!!Per quanto riguarda il resto...condivido assolutamente quanto hai detto..almeno avessero tutti la decenza di fare prezzi più bassi quando si tratta di prodotti fatti in serie e in Cina!! Scusa, ma allora noi a che prezzo dovremmo mettere i nostri lavori fatti a mano e unici perchè non ci sono doppioni??!! Un abbraccio, Anna.

    RispondiElimina
  13. Chi prende per il collo i clienti mi fa sempre rabbia! E molta, prima di tutto perché' non capisce che e' determinante fidelizzare una persona, se non sei corretto non torna, ovviamente!
    Ma attenta, e' difficile che oggi ti possano vendere un prodotto cinese per uno italiano o francese perché' ogni oggetto deve avere un cartellino con la provenienza, specialmente nel tessile, dove insieme c'e' l'istruzione per il lavaggio. Spesso sta a noi consumatori stare attenti!
    Il puntaccio della mia compaesana e' bellissimo, e poteva non esserlo?
    Un abbraccio...
    Silvia

    RispondiElimina
  14. Concordo pienamente, cara.
    Il "fatto in serie", anche se ammetto di averne più d'un esemplare in casa,è
    un pò..."kitsch"...
    (...L'HO SCRITTO GIUSTO ?!?)...
    ...vuoi mettere l'artigianato, SERIO ED ACCURATO...

    I tuoi ricami sono semplicemente SUBLIMI.

    Ti abbraccio, amica mia,
    fortissimo*

    Maddy

    RispondiElimina
  15. In effetti, 50€ per una federa mi pare una cifra esagerata...
    Nebbia pure qua, e caldo torrido :-) Bacione, Patty

    RispondiElimina
  16. Decisamente belli questi cuscini, a me i quadretti rossi hanno sempre dato l'idea del rustico e mi piacciono un sacco.
    (Grazie per essere sempre presente nei miei post :)).
    Debora

    RispondiElimina
  17. Un ricamo meraviglioso, sei
    veramente brava, ammiro chi riesce
    a fare ricami così belli!
    Hai ragione tu 50€ per un cuscino
    cinese è troppo.
    Ho scoperto un'altra ditta italianissima, con negozi ovunque, dove la gente fa la fila pur di comprare, e sono oggetti CARISSSSSSIMI, che fanno venire il tutto dalla Cina!! Ci hanno lavorato le mie figle, quindi lo so per certo, ed è un mito qui in Italia!! Non faccio nomi altrimenti.......
    Un abbraccio
    Susy x

    RispondiElimina
  18. Cara Paola, io ho potuto constatare a mie spese di quanto i prodotti cinesi siano scadenti...all'inizio questo non si sapeva, e cosi', tentata dal basso prezzo comprai delle scarpe all'apparenza bellissime..beh, le ho messe per uscire e dopo cinque minuti la pianta del piede mi si e' irritata tutta...da allora mai piu'..Meglio spendere qualcosina in piu', avere meno cose, ma buone...
    I cuscini sono veramente belli...ma quante cose sai fare...e' un piacere leggere i tuoi post!.
    Un bacio.
    Cri.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra visita e per il commento.